Private Internet Access | Recensione e costi

Oggi in esame Private Internet Access , famosa per la sua politica di logs , utilizzata soprattutto da chi pratica p2p e torrent , vediamo pregi e difetti

Da un pò dovevo provare Private Internet Access. Avevo chiesto più volte se mi davano una versione di prova ma niente da fare, per cui ho acquistato la membership per un mese e ho deciso di provarla per un pò.

PIA è una società soggetta alle leggi USA (stato della California) e per tanto può non effettuare logs (per quanto sia strano in USA una società VPN può non salvare logs) , utilizzata da milioni di utenti.

Il suo successo è stato dare insieme al pacchetto VPN l’accesso a un proxy SOCKS 5 portando di fatto migliaia di utenti a preferire questa VPN rispetto ad altre per configurare il proprio client torrent e rendere anonimo il proprio indirizzo IP.

Fermo restando che un proxy non cripta la tua connessione e di fatto non nasconde la tua operatività (se fai uso di torrent o che siti web visiti) e cambia solo il tuo indirizzo IP , di fatto la società non facendo Logs non può associare un indirizzo IP di un utente a un possibile uso inerente a una operatività , come l’uso di un torrent in caso esso sia segnalato da un ente esterno (un provider o altra entità che cerca di tracciare il tuo traffico dati).

Ci troviamo di fronte per tanto a una VPN simile a TorGuard ? Ni , anche qui ci sono alti e bassi , come ad esempio non avere un server in Italia. Entriamo nel dettaglio di Private Internet Access.

Costi VPN Private Internet Access

costi private internet access

Sul sito di Private Internet Access sono presenti i prezzi e di volta in volta visibili promozioni.  E’ probabilmente una delle VPN più economiche in commercio (solo 40 usd anno) e con il mese singolo più economico (circa 7 usd).

Non ha un reale periodo di prova ma è possibile cancellare la membership e avere un refund completo se entro 7 giorni cancelliamo la membership motivando il motivo , se ad esempio non funziona ,  (ovvero non è possibile fare abbonamenti a scrocco per una settimana).

Scheda riassuntiva per la VPN Private Internet Access :

Traffico dati Illimitato (versione pro)
Tipo di rete Privata
Criptografia AES-128 , AES-256 , Blowfish
Server Switches Illimitati
Server N/D
Indirizzi IP N/D
Protocolli OpenVPN , L2TP , PPTP , SOCKS
Devices Supportati  Windows, Mac , Android , iOS (manualmente)
Supporto OpenVPN Si
Tipo di supporto

Online chat , ticket

Soddisfatti o rimborsati ? E’ possibile il refund entro 7 giorni se la VPN non funziona o non si è soddisfatti del servizio
Nazioni coperte 12 nazioni  (Italia non presente) : USA , UK , Svizzera , Olanda , Canada , Germania , Francia , Svenzia , Romanai , Hong Kong , Israele , Australia , Giappone .
Multi Login 5 multi login

Entriamo nel dettaglio di alcune funzionalità della VPN Private Internet Access

Le principali caratteristiche sono l’assenza di logs , il proxy socks e la gestione del tipo di criptazione.

Interfaccia semplice, un pò scomoda la selezione nazioni

private internet access interfaccia

Quando si lancia l’applicazione la prima volta si viene catapultati nella interfaccia di tipo “Simple” del menu settings.

system tray

 

Una volta cliccato save l’interfaccia sparisce e per farla riapparire bisogna clicca con il destro sull’iconcina del system tray (quella in basso a destra dove c’è l’orologio) , cliccare con il destro e fare di nuovo settings.

Dobbiamo inserire la username e password che ci vengono inviate via mail dopo il pagamento della membership (è possibile cambiarle successivamente nell’area personale).

E’ possibile decidere se lanciare all’avvio l’applicazione e se debba connettersi o meno in automatico al lancio. Alla voce Region le nazioni disponibili.

Già cosi facendo tutto sarà impostato per un uso classico e per un utente normale ,  per una criptazione medio veloce , OpenVPN e il torrent funzionerà (ma senza port forward) , se clicchiamo su Advanced vedremo le opzioni avanzate.

La selezione delle nazioni è un pò scomoda e poco user friendly. Si seleziona la nazione e bisogna stare attenti al colore dell’iconcina , nessun messaggio o nessun interfaccia che ci fa presente cosa succede. Se l’iconcina è verde siamo connessi , altrimenti se è rossa non lo siamo.

Opzioni avanzate di Criptazione dati

private internet access interfaccia 2

 

Il protocollo usato è OpenVPN ma è possibile decidere di cambiare il livello di criptaggio.

Data Encryption è come vuoi criptare i tuoi dati. Di base è su 128 , veloce ma funzionale. Puoi alzare il livello (la connessione sarà un pò più lenta) o rimuoverlo completamente (cambierai solo l’indirizzo IP di tutto il devices ma non cripterai i dati).

Data Authentication , ti consiglio di non toccarlo e serve per evitare di subire attacchi mentre ti stai connettendo al server VPN (quando ancora non sei protetto) , anche qui si può decidere di rimuovere o meno la criptazione dati.

Handshake , è un opzione che decide quale sia il livello di criptaggio dati delle chiavi usate dal server VPN per evitare che vi colleghiate a un “finto” server VPN. Diciamo un livello di protezione molto avanzata che non interesserà sicuramente a utenti normali che non subiscono tipicamente attacchi hacker o governativi 🙂

Opzioni avanzate generali

private internet access interfaccia 3

Queste opzioni sono più alla portata di tutti. Possiamo decidere se la connessione gira UDP (più veloce) o TCP (più sicura) , che tipo di porta utilizzi la VPN.

Local port di base , se non si hanno problemi di connessione , non va toccato e va bene lasciarlo vuoto.

VPN Kill Switch è come quello di altre VPN , se attivo se dovesse cadere la connessione internet disabiliterà tutti i vostri software dal funzionare fino a che sia la connessione internet che l’allaccio alla VPN sia effettuato (in modo che non rischiate di accedere a internet sprotetti).

DNS Leak e IPv6 Leak protection vi consiglio di lasciarli attivi , fa in modo che non ci siano problemi di navigazione dovuti alla cache DNS non svuotata.

Leggi il mio articolo su come cancellare la cache DNS su Windows e Mac se vuoi approfondire.

Private Internet Access Port Forwarding per Torrent o P2P

SE vedete che utilizzando Torrent o per il P2P vi serve per forza aprire una porta verso l’esterno (per ricevere dati) allora checkate la casella.

Il port Forwarding non è attivo negli Stati Uniti e sconsigliato in Canada. Per cui è normale che se selezionate il server sbagliato non abbiate una porta assegnata.

pia port

nell’esempio la porta è 46094

A quel punto (una volta connessi) nell’iconcina di Private Internet Access (che diverrà verde) fermandovi sopra con il mouse vedrete la porta assegnata dalla VPN (sempre diversa e random).

utorrent private internet access

Appresa la porta (nella mia foto è la 46094) aprite il vostro client di torrent (esempio uTorrent) e la impostate nel client nelle opzioni e il gioco è fatto.

L2TP , PPTP e Proxy Socks 5

E’ possibile configurare il computer o il mobile per andare tramite protocollo L2TP o PPTP , in questo caso la username e la password saranno diverse. Basterà andare nell’area personale e c’è un bottone per generare una username e password per questo uso.

PIA fornisce l’accesso a un server proxy Socks 5. Fermo restando che un proxy non ti cripta i dati (per cui occhio a usarlo).

Se per tanto volete solo cambiare il vostro indirizzo ip , senza criptare i dati (per fare torrent tipicamente) è possibile collegarsi (con la useraname e password generata) a un server apposito ( server proxy-nl.privateinternetaccess.com  , porta 1080)

App per Android

Al momento se vuoi configurare il tuo iPhone devi farlo a mano (non che ci voglia molto , segui la mia guida per la configurazione manuale vpn su iOS)

Per quanto riguarda Android c’è un app , compatibile android versione 2.2 o successiva.

Conclusioni

PIA è una VPN affidabile , usata da milioni di utenti nel mondo.
E’ veloce , è ottima se il vostro uso principale è il torrent o il p2p dato che vi da anche un proxy socks 5 incluso , ha 5 multi login , e non effettuano logs sulla operatività.
Di contro è un pò legnosa nell’utilizzo , poco user friendly verso per utenti alle prime armi.
Ha un ottimo supporto sul sito ufficiale con centinaia di articoli e guide sull’utilizzo della VPN.
Di contro non ha un app per iOS (dovremo impostare a mano ogni connessione a diverse nazioni) , non ha un server in Italia e ha poche nazioni (inutile se la studiavi per usarla per vedere sky go all’estero).
Se dovessero mettere un server in Italia e facessero un app decente per iOS la prenderei in considerazione seriamente.

Private Internet Access VPN

Private Internet Access è una VPN veloce ed economica e senza logs , di contro non ha l'Italia fra le nazioni disponibili

Pro
- Veloce , no logs , torrent permessi , proxy soocks 5 incluso Contro
- Nessun app nativa per iOS , poche nazioni , manca l'Italia , interfaccia d'uso legnosa
8.8 Total Score
Buona !

Pro
- Veloce , no logs , torrent permessi , proxy soocks 5 incluso Contro
- Nessun app nativa per iOS , poche nazioni , manca l'Italia , interfaccia d'uso legnosa

QUALITÀ PREZZO
9
SEMPLICITÀ D'USO
8
ACCESSIBILITÀ
9
DEVICES SUPPORTATI
8
COPERTURA NAZIONI
7
User Rating: 4.15 (3 votes)
  • Pingback: Video Test di Private Internet Access | VPN con port forwarding()

  • Pingback: Private Internet Access VPN per Android 2.2 o superiore()

  • Pingback: VPN per Torrent e P2P | Le migliori dopo Test e Video prove()

  • Pingback: Miglior VPN per Android | Le VPN migliori dopo i test()

  • Ho provato oggi e l’app per Windows quando si connette a un server ITA non da un reale IP Italiano. Sono in contatto con loro per aiutarli a risolvere il problema poi una volta verificato che sia tutto funzionante al 100% aggiorno la review e qua nei commenti !

  • Ho avuto risposte. Il server in lista lo hanno ma hanno pochi IP per l’Italia. Per tanto per ora e’ facile che vieni dirottato su un server USA. Per cui nonostante sia un ottima VPN, nonostante la presenza in lista dell’Italia, fino a che onn avra’ abbastanza ip disponibili, non me la sento di segnalarla se uno ne ha bisogno per un IP Italiano.

  • Si puoi farlo. La PS3 ha la voce VPN, li configuri username,password protocollo e server di collegamento e hai fatto. Per dire se ti colleghi agli USA puoi anche accedere ai tornei USA poi o scaricare i giochi riservati al mercato USA che poi ti rimangono nella PS3

  • Sara Timoncelli

    Funziona anche in Linux-Ubuntu e sul sito c’è una guida molto semplice per usufruirne.
    Ciao, Sara

  • Di fatto come tu dici la VPN basta e avanza. La “comodità” di un proxy è che molti client (browser,p2p,torrent,console videogiochi) permettono l’impostazione di proxy (e non VPN) e per tanto avendo dei proxy da usare si possono impostare in quei client rendendo tali client geolocalizzati e anonimi (anche se non criptati)

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.