Kaspersky VPN recensione: fai attenzione e leggi qui

Kaspersky-vpn

In questa Kaspersky VPN recensione farò chiarezza – una volta per tutte – in merito alla bontà di questo software.
Insomma, ne vale davvero la pena?

Scommetto che stai pensando a KasperskyVPN perché è gratis, vero?

Beh, se così fosse, allora dovresti conoscere ulteriori dettagli a riguardo. Quindi, non perdiamoci in chiacchiere e iniziamo subito.

Il mio articolo è stato aggiornato il: 21.7.2024

RIMBORSO GARANTITO + 3 MESI GRATIS
Coupon ExpressVPN: La migliore VPN sul mercato!

Esclusivo per i miei lettori: ottieni ExpressVPN gratis, la migliore VPN! Prova senza rischi: rimborso garantito entro i primi 30 giorni. Clicca qui ora.

Informazioni preliminari su Kaspersky VPN

  • KasperskyVPN è uno dei tanti prodotti della Kaspersky Lab ZAO, una nota compagnia con sede a Mosca e che opera nel settore della sicurezza informatica sin dal 1997.
  • Probabilmente, il nome ti suona familiare, visto che l’omonimo antivirus circola già da parecchio.
  • A tal proposito, quest’ultimo si trova al quarto posto nella classifica globale dei fornitori di antivirus per fatturato.
  • Comunque sia, KasperskyVPN è stata lanciata solo nel 2020 ed è disponibile in diverse lingue, tra cui anche l’italiano, fortunatamente.

Fatte le consuete premesse iniziali, iniziamo a scendere nei dettagli, vedendo insieme proprio la scheda tecnica.

Kaspersky VPN recensione: scheda tecnica

Traffico datiIllimitato
Tipo di retePrivata
CrittografiaAES-256
Server SwitchesIllimitati
Server+2000
Indirizzi IPn/a
ProtocolliCatapult Hydra, WireGuard
Devices Supportati Windows, MacOS, iOS, Android
Supporto OpenVPNn/a
Tipo di supportoForum pubblico
Soddisfatti o rimborsati ?14 giorni di garanzia
Nazioni coperte83
Multi Login5
Politica “no log”Piena sottoscrizione

Principali funzionalità di Kaspersky VPN

  1. Kill Switch
  2. Split Tunneling

Proseguo la mia Kaspersky VPN recensione parlando delle sue funzionalità. Che dire, bene che ci siano.

Al tempo stesso, però, sappi che non si tratta di nulla di eclatante, anzi. Infatti, oggigiorno sono da considerarsi il “minimo sindacabile” in fatto di sicurezza informatica.

Tanto per fare un paragone automobilistico, potremmo considerare queste 2 funzionalità come degli optional divenuti, oramai, di serie, quali climatizzatore e radio.

In altre parole, Kill Switch e Split Tunneling sono presenti anche in tantissimi alti prodotti che, però, offrono anche molto di più.

Ad ogni modo, sai già cosa sono e a cosa servono? Se la risposta è “no”, te lo spiego subito nei prossimi 2 sotto-paragrafi.

1. Kill Switch

Proseguo questa Kaspersky VPN recensione parlandoti un po’ del Kill Switch, una funzionalità davvero utile. Di cosa si tratta? Beh, in soldoni, si tratta di una sorta di “interruttore”.

Il suo scopo è proprio quello di “spegnere” la riattivazione della connessione a seguito di un’interruzione accidentale.

Normalmente, senza il Kill Switch attivato, in una tale situazione resteresti con l’indirizzo IP “scoperto”, sebbene per pochi istanti.

Al contrario, quando lo attivi, il Kill Switch fa in modo che si riattivi prima la VPN e, solo a seguire, la connessione.

In questo modo, quindi, ottieni una protezione continuativa, dal momento che il tuo reale indirizzo IP rimane sempre “coperto”.

Kasperskyvpn

2. Split Tunneling

Sempre a proposito delle funzionalità di KasperskyVPN, lo Split Tunneling è, senza dubbio, una vera e propria comodità.

Premetto che non serve ad aumentare la sicurezza delle tue attività, almeno non in modo diretto.

Infatti, lo Split Tunneling ci da modo di escludere dal traffico VPN determinate app, lasciando invariato il “tunnel” principale, per l’appunto.

Insomma, al giorno d’oggi abbiamo tutti installato sul proprio device almeno un paio di app che richiedono l’indirizzo IP reale. Quella del meteo e il navigatore, ad esempio.

Di conseguenza, in termini pratici lo Split Tunneling ti consente di navigare protetto mentre, magari, controlli le previsioni del meteo per le ore a seguire.

Grazie ad esso, quindi, non dovrai più “staccare” e “riattaccare” la VPN, rischiando di dimenticarti.

Protocolli crittografici

  1. Catapult Hydra
  2. WireGuard

Terminata la parte della mia Kaspersky VPN recensione dedicata alle funzionalità, veniamo ora a quella in cui esamino i protocolli crittografici.

Nel caso non lo sapessi, questi altro non sono che dei complessi algoritmi, il cui scopo è quello di “blindare” la connessione.

Infatti, sebbene l’indirizzo IP offra già una buona protezione, questa, purtroppo, molto spesso non basta.

Ecco, quindi, che giunge in nostro aiuto proprio la crittografia. Grazie ad essa si vanno a prevenire anche gli attacchi provenienti da terze parti.

Detto ciò, oggigiorno ce ne sono di vari tipi perché, ovviamente, ognuno di essi presenta i rispettivi pro e contro.

Vediamo, allora, cosa KasperskyVPN offre in tal senso.

1. Catapult Hydra

Come si può facilmente intuire, Catapult Hydra è un protocollo elaborato in modo esclusivo dallo staff di Kaspersky VPN.

DI conseguenza, diversi sviluppatori da tutto il mondo hanno espresso le loro criticità in merito, visto che non c’è modo di verificare il suo codice sorgente oltre ogni ragionevole dubbio.

Alcuni studi da parte di enti indipendenti, però, sembrano dimostrare la sua efficacia e sicurezza, pertanto non dovrebbero esservi criticità in merito.

Detto ciò, sotto il profilo più tecnico, Catapult Hydra è stato sviluppato a partire dal protocollo OpenVPN, “con l’aggiunta” di certificati RSA con chiave a 2048 bit per l’autenticazione del server e l’algoritmo Elliptic Curve Diffie-Hellman (ECDHE) per lo scambio di chiavi.

Queste, naturalmente, vengono generate e cancellate dalla memoria al termine di ogni sessione.

Arrivati a questo punto, la mia Kaspersky VPN opinione non è proprio alle stelle, anche se le premesse sembrano buone.

2. WireGuard

Continuiamo a parlare dei protocolli crittografici di Kaspersky VPN con WireGuard.

Al contrario del precedente, questo è un protocollo interamente “open-source”, quindi il codice sorgente può essere verificato da chiunque.

Si tratta di un’ottima alternativa a OpenVPN che è sì sicuro ma, al tempo stesso, anche piuttosto lento.

Al contrario WireGuard ha una latenza minima e fornisce una connessione immediata. Pertanto, si rivela ottimale con i dispositivi mobili.

Kaspersky VPN recensione: quanto costa?

Kaspersky-vpn-recensione

Quelli che vedi sono gli attuali prezzi di KasperskyVPN – versione a pagamento. Sono tanti o sono pochi? Io direi che sono “giusti”.

In parole povere, corrispondono al prezzo medio per i prodotti che rientrano in questa fascia di mercato.

Al tempo stesso, però, devo ammettere che spendendo pochissimi euro in più è possibile, però, avere in cambio molto, ma molto di più.

Ecco la mia Kaspersky VPN opinione riguardo ai suoi prezzi.

Insomma, se usi frequentemente questo genere di software, allora, forse, è meglio che tu prenda in considerazione delle valide alternative.

Migliori alternative a Kaspersky VPN

  1. ExpressVPN
  2. NordVPN
  3. SurfShark

Termino questa recensione su KasperskyVPN parlandoti brevemente delle sue alternative. Come scrivevo poco fa, costano – in media – 2 euro in più rispetto alle altre.

Al tempo stesso, però, ti danno molto di più, a cominciare dalle posizioni server. Ad esempio, SurfShark copre fino a 100 paesi nel mondo.

Insomma, un vero e proprio record. Per non parlare dei multi-login illimitati.

Se, però, vuoi andare sul sicuro, c’è sempre ExpressVPN che ti offre le migliori prestazioni in assoluto, oltre che i protocolli crittografici più all’avanguardia.

Infine, come non citare NordVPN e le sua esclusive funzionalità Onion over VPN e Meshnet. Grazie alla prima puoi accedere al Dark Web in tutta sicurezza senza dover utilizzare il TOR Browser.

Con la seconda, invece, puoi assegnare il medesimo indirizzo IP a più dispositivi. Ideale per fregare le piattaforme come Netflix e DAZN che pongono limiti ai multi-login.

Vuoi saperne di più? Allora dai uno sguardo alla lista delle migliori VPN recensite per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità.

Eccoti i punti chiave in breve

  • KasperskyVPN è uno dei tanti prodotti della Kaspersky Lab ZAO, una nota compagnia con sede a Mosca e che opera nel settore della sicurezza informatica sin dal 1997.
  • Lo stesso è stato lanciato solo nel 2020 ed è disponibile in diverse lingue, tra cui anche l’italiano.
  • Per quanto riguarda le sue funzionalità, abbiamo il “classico” Kill Switch e Split Tunneling. Per carità, è bene che Kaspersky VPN le abbia ma, al tempo stesso, sono presenti anche in tantissimi altri software.
  • Invece, per quanto riguarda i protocolli crittografici, hai a disposizione Catapult Hydra e WireGuard. Tutto sommato, niente male su questo fronte.
  • Infine, tenuto conto che la sua versione gratis è fortemente limitata (solo 200 MB al giorno) e del suo rapporto qualità/prezzo, tanto vale affidarsi ad una delle sue migliori alternative, come ExpressVPN, NordVPN o SurfShark
  • A proposito, su ExpressVPN è pure attiva la promozione riservata ai miei Lettori: cliccando il coupon potrai provarla gratis per 30 giorni e ricevere ulteriori 3 mesi in omaggio!

PROVA GRATIS
ExpressVPN la migliore per navigare veloci e davvero protetti

Sfrutta la prova gratuita di Express e cambia indirizzo IP con 1 click. E' l'unica che ti permettere di richiedere il rimborso entro i primi 30 giorni d’uso SENZA fare domande o richiedere motivazioni.

Ancora domande? Parliamone insieme

Allora, questa Kaspersky VPN recensione ti è stata utile per comprendere meglio pro e contro di tale software?

Nel caso avessi ancora dubbi o perplessità, eccoti pronta una breve sezione F.A.Q. grazie a cui farò ulteriore chiarezza in merito agli aspetti più importanti.

Non a caso, avrai modo di leggere le mie risposte a quelle che sono le domande più cliccate in rete, ma anche a quelle che ricevo più spesso dai miei Lettori.

Come sempre, nel caso avessi qualche domanda aggiuntiva, non esitare a scriverle in un commento.

Kaspersky-vpn-opinione

1. Come funziona la VPN di Kaspersky?

La VPN di Kaspersky ti permette di tutelare la tua privacy online grazie al cambio di indirizzo IP e all’adozione dei protocolli crittografici contro gli attacchi da terze parti.

È molto semplice da usare perché, una volta installata, è sufficiente scegliere la posizione server desiderata, così come attivare/disattivare le funzionalità o variare il protocollo crittografico in uso.

2. Quanto costa la VPN di Kaspersky?

La VPN di Kaspersky costa 33,99 € all’anno se scegli il piano VPN Secure Connection. Invece, costa 34,99 all’anno nell’ipotesi del piano Premium.

Esiste anche una versione gratis, ma è fortemente limitata a soli 200 MB di traffico al giorno.

3. Come attivare la connessione VPN su Kaspersky?

Per attivare la connessione VPN su Kaspersky devi, prima di tutto, aprire il rispettivo client, cliccando o facendo tap sull’icona.

Dopodiché, non dovrai fare altro che selezionare la posizione server desiderata. Attendi qualche istante affinché avvenga la creazione del “tunnel VPN” ed il gioco è fatto.

4. Come disattivare Kaspersky VPN?

Per disattivare Kaspersky VPN devi solamente “spegnerla” cliccando o facendo tap sul rispettivo bottone in modo da spostare la posizione del cursore su “Off”.

Fammi sapere cosa ne pensi

      Leave a reply

      Diffida Dalle Imitazioni

      Ho solo un sito ed è LeMiglioriVPN.com, vari siti copiano i miei articoli e guide Originali, diffida dalle imitazioni e condividi i miei articoli.

      Per iniziare

      In evidenza

      LeMiglioriVPN.com
      Logo